Concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento

La Cassazione, con sentenza 7685/2016, ha affermato che nella misura del risarcimento dovuto in caso di reintegra per licenziamento illegittimo non può essere detratto, quale “aliunde perceptum“, ciò che lo stesso aveva continuato a percepire in forza di un’altra attività prestata prima del verificarsi del recesso, in quanto la compensazione, sulla scorta del principio civilistico della “compensatio lucri cum danno“, deve essere ricollegato al fatto illecito, mentre ciò non si verifica nel caso in cui il vantaggio derivi da un titolo diverso.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.