Licenziamento disciplinare per minacce al datore di lavoro

La Cassazione, con sentenza 5776/2016, ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa comminata dal datore di lavoro nei confronti del lavoratore che, una volta ricevuta l’ennesima sanzione disciplinare, si rivolge all’amministratore dell’azienda con espressioni dal tono minaccioso e dal contenuto scortese. I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come il nervosismo scaturito dalla ricezione della sanzione disciplinare, non può giustificare la condotta irriverente nei confronti del proprio datore di lavoro.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.