Sciopero. Illegittimo il rifiuto di svolgere solo certe mansioni

La Cassazione, con sentenza 1350/2016, ha ribadito che il diritto di sciopero non può essere invocato per giustificare il rifiuto di una sola parte dei propri compiti, consistente nella sostituzione, dovuta contrattualmente, di un collega assente. Assimilando tale comportamento al cosiddetto sciopero delle mansioni, i giudici hanno ritenuto che tale comportamento travalicasse il legittimo esercizio di sciopero, risolvendosi in un inadempimento contrattuale del lavoratore.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.