Comunicazione all’Inps per la reperibilità alla visita di controllo

La Cassazione, con sentenza 3294/2016, ha confermato che l’obbligo di reperibilità alla visita medica di controllo comporta che l’allontanamento dall’abitazione indicata all’ente previdenziale quale luogo di permanenza durante la malattia sia giustificato solo quando tempestivamente comunicato agli organi di controllo. Qualora tale comunicazione sia stata omessa o sia tardiva, non viene automaticamente meno il diritto, ma l’omissione o il ritardo devono a loro volta essere giustificati.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.