Licenziamento con finalità di vantaggio per l’impresa

La Cassazione, con sentenza 23620/2015, ha affermato che il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è legittimo, non soltanto se finalizzato a eliminare perdite ma anche a conseguire un maggior profitto per l’impresa, attesa la insindacabilità delle decisioni imprenditoriali ex art. 30, comma 1, l. 183/2010, adottate a seguito di una onerosità non prevista al momento della instaurazione del rapporto è sorta in un momento successivo.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.