Concetto di immediatezza della contestazione disciplinare

La Cassazione, con sentenza 281/2016, ha ribadito come il concetto d’immediatezza della contestazione va inteso in senso relativo e non assoluto. I giudici della Suprema Corte evidenziano come i tempi tra il fatto commesso e l’esercizio del potere disciplinare (la contestazione) possano essere dilatati, soprattutto in presenza di un’organizzazione aziendale complessa e della necessità di completare le indagini ispettive. Il principio della tempestività dell’azione disciplinare deve essere rapportato al tempo necessario, al datore di lavoro, per acquisire una compiuta e meditata conoscenza dei fatti oggetto di addebito, nonché della loro riconducibilità al lavoratore, oggetto del provvedimento stesso.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.