Utilizzo improprio della e-mail aziendale e sanzione da applicare

La Cassazione, con sentenza 22353/2015, ha ribadito come l’utilizzo improprio della e-mail aziendale e l’elusione, da parte del lavoratore, delle specifiche informative e dei molteplici avvisi effettuati dal datore di lavoro al fine di prevenire abusi, non è sufficiente a configurare un licenziamento per giusta causa (art. 2119 c.c.), laddove sia presente un codice disciplinare o una contrattazione collettiva che prevede, per tale infrazione, una sanzione conservativa.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.