Trasferimento facilitato per i disabili

Il Tribunale di Roma, con ordinanza del 31 agosto 2015, ha affermato che il lavoratore disabile che rivendica il diritto al trasferimento nella sede più vicina al proprio domicilio ha un onere della prova attenuato, potendosi limitare a indicare le sedi disponibili e le relative scoperture di personale mentre grava sul datore di lavoro l’onere di provare che il trasferimento verso tali destinazioni contrasta con le esigenze aziendali.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.