Prime indicazioni sulla nuova disciplina della c.d. maxisazione per lavoro nero

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva, del Ministero del Lavoro, con lettera circolare 16494/2015, ha fornito le prime indicazioni operative in merito alla nuova maxisanzione per lavoro nero, così come disciplinata dal d.lgs. 151/2015 (c.d. decreto semplificazioni). In particolare, viene chiarito che per le condotte iniziate e cessate prima del 24 settembre 2015, si applica l’apparato sanzionatorio precedentemente vigente, ivi compresa la fattispecie attenuata di maxisanzione (c.d. maxisanzione affievolita). Alle medesime condotte non si applica la procedura di diffida introdotta dall’art. 22 d.lgs. 151/2015. Per le condotte iniziate sotte la previgente disciplina e proseguite dopo l’entrata in vigore del d.lgs 151/2015, stante la natura permanente dell’illecito che si consuma al momento della cessazione della condotta, trova applicazione, all’intero periodo oggetto di accertamento, la nuova disciplina, ivi compresa la procedura di diffida. Il Ministero rammenta, inoltre, che per tali fattispecie non troveranno applicazione le sanzioni di cui all’art. 19, commi 2 e 3 , d.lgs. 276/2003, relative alla mancata comunicazione obbligatoria e alla mancata consegna della lettera di assunzione, espressamente escluse dalla norma.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.