Skype. L’azienda non può spiare le conversazioni dei dipendenti

Il Garante per la protezione dei dati personali, con newsletter 406/2015, ha chiarito che il datore di lavoro non può spiare le conversazioni Skype dei dipendenti. Il contenuto di comunicazioni di tipo elettronico o telematico scambiate dai dipendenti nell’ambito del rapporto di lavoro godono di garanzie di segretezza tutelate anche a livello costituzionale. A seguito del provvedimento del Garante il datore di lavoro non potrà effettuare alcun trattamento dei dati personali contenuti nelle conversazioni ottenute in modo illecito, limitandosi alla conservazione di quelli finora raccolti ai fini di una eventuale acquisizione da parte dell’autorità giudiziaria.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.