Troppe malattie non legittimano il licenziamento

Il Tribunale di Milano, con ordinanza 26212/2015, ha affermato che le malattie ripetute del dipendente legittimano il licenziamento per giustificato motivo oggettivo solo se il datore di lavoro è in grado di provare l’inutilità della prestazione lavorativa; tale prova deve essere fornita con riferimento ai giorni nei quali il dipendente è presente in azienda.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.