Licenziamento per il lavoratore trovato a fumare

La Cassazione, con sentenza 1448l/2015, ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, comminato a un lavoratore che non aveva rispettato il divieto di fumare in una zona dell’azienda con alta potenzialità di rischio incendio. I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come la fondatezza del provvedimento espulsivo era legittimata dalle mansioni di caporeparto del lavoratore che avrebbe dovuto essere un esempio per gli altri colleghi, soprattutto in un luogo estremamente pericoloso dell’azienda.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.