La diffida colpisce i debiti certi

Il Ministero del Lavoro, con lettera circolare 4684/2015, ha chiarito che non per tutti i crediti patrimoniali vantati dal lavoratore nei confronti del datore di lavoro gli ispettori possono emettere la diffida accertativa, ovvero il provvedimento che diffida il datore a corrispondere gli importi risultanti dagli accertamenti svolti. In particolare, non è possibile validare diffide accertative emesse nei confronti di società fallite, perché manca il requisito dell’esigibilità del credito.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.