Reintegrazione nel posto di lavoro

La Cassazione, con sentenza 19665/2014, ha affermato che in tema di reintegrazione del lavoratore per illegittimità del licenziamento, ai sensi dell’art. 18 l. 300/1970, anche prima delle modifiche introdotte dalla l. 92/2012, occorre distinguere, ai fini delle sanzioni previdenziali, tra la nullità o inefficacia del licenziamento, che è oggetto di una sentenza dichiarativa, e l’annullabilità del licenziamento privo di giusta causa o giustificato motivo, che è oggetto di una sentenza costitutiva: nel primo caso, il datore di lavoro, oltre che ricostruire la posizione contributiva del lavoratore ora per allora, deve pagare le sanzioni civili per omissione ex art. 116, comma 8, lett. a), l. 388/2000; nel secondo caso, il datore di lavoro non è soggetto a tali sanzioni, trovando applicazione la comune disciplina della mora debendi nelle obbligazioni pecuniarie, fermo che, per il periodo successivo all’ordine di reintegra, sussiste l’obbligo di versare i contributi periodici, oltre al montante degli arretrati, sicchè riprende vigore la disciplina ordinaria dell’omissione e dell’evasione contributiva.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.