Somministrazione transnazionale di lavoro

Il Ministero del Lavoro, con circolare 14/2015, si è espresso sulla somministrazione transnazionale di manodopera, evidenziando le sanzioni applicabili verso chi utilizza in maniera fraudolenta o irregolare questo strumento. La circolare ricorda che sulla base del combinato disposto del d.lgs. 72/2000, del d.lgs. 276/2003 e delle direttive comunitarie intervenute sul tema, è vietata l’erogazione di trattamenti economici che non rispettino integralmente i contratti collettivi italiani applicati dall’impresa utilizzatrice, così come è preclusa l’applicazione di condizioni di lavoro complessivamente inferiori rispetto a quelle previste dalla legge nazionale. La circolare, inoltre, ricorda agli ispettori il contenuto della direttiva europea 67/2014, con la quale sono state approvate norme finalizzate a facilitare lo scambio di informazioni tra gli organi competenti, nei diversi Stati membri, a vigilare sui fenomeni di distacco e somministrazione di lavoro su base transnazionale.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.