Licenziamento per eccessiva morbilità e scarso rendimento

La Cassazione, con sentenza 18678/2014, ha affermato che è legittimo il licenziamento intimato a fronte di reiterate assenze per malattia del lavoratore (c.d. eccessiva morbilità) ove le stesse, benchè non superino il periodo di comporto, integrino l’ipotesi dello scarso rendimento, in quanto attuate secondo modalità tali da rendere la prestazione lavorativa inadeguata sotto il profilo produttivo e pregiudizievole per l’organizzazione aziendale.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.