Eccessiva morbilità

La Cassazione, con sentenza 18678/2014, ha affermato che le assenze del lavorator determinate da eccessiva morbilità, anche in caso di mancato superamento del periodo di comporto, provocando un pregiudizio alla funzionalità dell’attività produttiva, vengono in rilievo in termine di giustificato motivo, con conseguente esclusione dell’applicazione della disciplina di cui all’art. 2110 c.c.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.