Licenziamento collettivo: requisiti pensionistici e necessaria indicazione di ulteriori criteri di scelta

Il Tribunale di Padova, con ordinanza del 4 luglio 2014, ha affermato che nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo, qualora il datore di lavoro adotti come criterio unico di scelta il possesso dei requisiti contributivi per l’accesso alla pensione, la comunicazione ex art. 4, comma 9, l. 223/1991, può dirsi soddisfatta solo laddove in essa siano indicati i nominativi dei lavoratori in possesso dell’anzianità prevista dall’indicato fine di accesso al trattamento pensionistico. Nel caso in cui i soggetti in possesso dei requisiti siano in numero maggiore rispetto ai licenziandi, è necessario indicare gli ulteriori criteri adottati per effettuare la selezione, a pena di illegittimità del licenziamento.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.