Il principio di non discriminazione tra lavoratori a termine e a tempo indeterminato

La Corte d'Appello di Venezia, con sentenza del 18 agosto 2014, ha affermato che il principio di non discriminazione tra lavoratori a termine e lavoratori a tempo indeterminato, sancito dalla direttiva n. 99/70/Ce, esclude che i primi possano essere destinatari di un trattamento deteriore ai secondi solo perchè assunti a tempo determinato; esso è incondizionato e sufficientemente preciso da poter essere invocato da un singolo di fronte a un giudice nazionale, imponendo a quest'ultimo la disapplicazione della norma interna in contrasto con tale principio.

Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.